Categoria: Degustazione

beaujolais

LE BEAUJOLAIS NOUVEAU EST ARRIVE

Come ben sappiamo, la Francia è famosa in tutto il mondo per i suoi vini pregiati.
Il vino è un prodotto davvero importante per questo popolo, tanto che attendono ogni anno con ansia l’arrivo del vino novello, festeggiandolo come un evento grandioso.
Uno dei novelli più famosi di Francia e del mondo, proviene dall’omonima regione storica, oggi compresa tra i dipartimenti del Rodano, della Saona e della Loira.
L’area ha ottenuto l’AOC, ossia l’Appellation d’Origine Contrôlée, equivalente alla nostra denominazione DOC.
La particolarità del Beaujolais Nouveau rimane però il processo di produzione.
Infatti questo vino raggiunge la maturazione molto in fretta e per questo può essere consumato già a novembre.
Per essere precisi, la regolamentazione francese indica che lo si può consumare e commerciare dalla mezzanotte del terzo mercoledì di novembre.
Come spesso accade, è un evento fortuito che ha portato alla nuova tecnica di vinificazione usata per questo vino. Intorno al 1930, un gruppo di scienziati cercò di studiare un metodo di conservazione dell’uva, utilizzando una copertura di anidride carbonica in un contenitore ermetico.
Non potevano sospettare che il gas avrebbe lentamente schiacciato gli acini, liberando altra anidride carbonica e permettendo l’autofermentazione.
Nel corso degli anni, la tecnica fu studiata e raffinata, arrivando alla moderna “macerazione carbonica” che permette una maturazione rapida del vino.
Per questo il Beaujolais Nouveau, come altri vini novelli, può essere gustato a circa un mese dalla vendemmia, assaporando il suo gusto giovane e fresco. Ed è così che deve essere consumato, perché l’ossidazione è rapida e la bassa quantità di tannini fa si che col tempo si perdano le proprietà organolettiche al vino.
La commercializzazione del vino si ferma, infatti, il 31 dicembre dello stesso anno di produzione.
Solo un mese e mezzo quindi, ma ogni anno vengono spedite in tutto il mondo 50 milioni di bottiglie, per festeggiare questo meraviglioso vino e l’inizio dell’autunno.
Aderendo all’iniziativa Locanda Aurilia vuole vivere con voi questa ricorrenza e vi invita a degustare questo vino.

Vi aspettiamo

 

 

uva

IL BAROLO INCONTRA L’OCA DI SAN MARTINO

LOCANDA AURILIA
vi invita all’evento
IL BAROLO INCONTRA L’OCA DI SAN MARTINO
LUNEDI 13 NOVEMBRE ore 20,30

Scendendo da La Morra, in frazione Annunziata, incontriamo una casa bianca … è l’Az. Aurelio Settimo.
Si tratta di una delle zone più prestigiose per la produzione di vino Barolo.
L’azienda vanta una lunga storia che ebbe inizio nel lontano 1943.
Da Domenico ad Aurelio che comprese che quel terreno era speciale, sino ad arrivare ad oggi a Tiziana, la figlia.
La stessa filosofia da sempre: dare particolare attenzione alla qualità nel rispetto della tradizione.
Nelle guide più prestigiose: da Bibenda ai Vini di Veronelli i suoi vini premiati per eleganza ed eccezionale complessità.
Nel corso della serata degusteremo i vini dell’ azienda abbinati ad una selezione di piatti a base d’oca creati dallo chef per l’occasione.

Vi aspettiamo